Questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti. Per continuare a navigare sul sito è necessario accettare l'utilizzo dei cookies.
Ti invitiamo a leggere la Cookies Policy.

In order to improve user's experience this site uses cookies. To keep on browsing the site you must accept cookies
by pressing "Accetto" button here on the right. More info on Cookies Policy page (italian).
 
Gruppo di psicoterapia Ricomincio da Tre

Gruppo di Psicoterapia "Ricomincio da Tre"

 
Struttura Psicoterapia in gruppo
Con Chi Dott. Riccardo Baroffio e Dott.ssa Monica Anoja
Durata Gruppo aperto - termine al personale raggiungimento dei propri obiettivi
Cadenza Settimanale
Durata sedute 3 ore da 50 minuti ciascuna
Quando Tutti i giovedì dalle 19.00 alle 21.30
Dove Carità di Villorba - Treviso - Via Solferino 10 (P.zza A. Moro)
 
Il Gruppo di Psicoterapia Ricomincio da Tre è attivo, in via continuativa, dal 2010.

È un vera e propria modalità di psicoterapia, un luogo in cui settimanalmente i partecipanti si incontrano per fare terapia in gruppo.
 
La struttura del gruppo, composto mediamente da dieci persone, è stata pensata per fornire un clima accogliente, di ascolto accettante e, al tempo stesso, di confronto, sia tra i partecipanti sia con i due terapeuti.
 
Le tematiche che si possono incontrare spaziano dall’autostima a contenuti riguardanti l’ansia e i disturbi dell’umore, passando, quasi naturalmente, per le difficoltà che si intrecciano con la gestione delle relazioni e delle emozioni.
 
Le dinamiche sono chiaramente basate sulla condivisione, sebbene il lavoro vero e proprio si concentri su ogni singolo partecipante, per l’approfondimento dei propri temi personali, esattamente come accade nel contesto di Psicoterapia individuale. Questo avviene con la guida dei due terapeuti e con il valore aggiunto del confronto con ciò che gli altri partecipanti hanno osservato, ricevendo da questi impressioni e riflessioni. Questo aspetto è di cruciale importanza, ed in senso stretto rappresenta forse la parte più pregnante di questo approccio alla psicoterapia: il diretto rapportarsi all’altro, al di là della relazione con il terapeuta.
Il “lavoro su di sé” non è, quindi, il solo modo in cui il gruppo stimola i partecipanti, anzi, già la semplice presenza, il percepire la risonanza delle storie degli altri, la sintonizzazione empatica delle emozioni, sono solo alcuni degli aspetti che agiscono terapeuticamente, ancor prima dell’utilissimo e cruciale esercizio di restituzione autentica al “lavoro” altrui.
La collaborazione e lo scambio che avvengono in questo contesto, permettono ad ogni membro la particolare e privilegiata esperienza di apprendimento ed aiuto reciproci: si verifica ed osserva “in vivo” l’innovazione dei propri schemi relazionali, con l'obiettivo di costruire contatti veri e rispettosi e di immettere nuova linfa nella vita di ciascuno. 
 
Conduciamo gli incontri con il metodo interattivo di ispirazione psicodinamica, ad indirizzo Analitico Transazionale.
Naturalmente, nella gestione dei singoli "lavori", ciascuno di noi due può apportare le integrazioni che si rendessero opportune, traendo da ulteriori specifiche competenze.
 
Nelle sedute, i partecipanti si rapportano tra loro, e con noi terapeuti, attraverso l'uso della parola, strumento per manifestare, apprendere e affrontare. Detto questo, il Gruppo non è “un corso” né un contesto nel quale vengano utilizzati approcci diretti al lavoro attivo con il corpo. 
 
Di importanza fondamentale, e conditio sine qua non alla partecipazione, è l'assunzione dell'impegno personale alla totale riservatezza, rispetto alle generalità dei partecipanti, nonché ai contenuti espressi durante gli incontri. Naturalmente, ciascuno può parlare di sé come e con chi lo desideri. La radicalità di questa regola è facilmente intuibile, perché ha la funzione costitutiva dell'ambiente di lavoro, in cui qualunque partecipante selezionato ha il diritto di poter condividere qualsiasi contenuto in assoluta libertà e sicurezza.
 
Al Gruppo si accede dopo un colloquio gratuito di conoscenza e motivazione, con uno di noi due, allo scopo di illustrare le caratteristiche di questo percorso e di valutare insieme se possa o meno essere un’esperienza indicata alle esigenze del richiedente.
Generalmente, si consigliano degli incontri individuali prima dell'ingresso, al fine di mettere a fuoco i punti da trattare nonché per costruire un linguaggio condiviso, utile al proseguimento dell’esperienza.
 
Proponiamo quindi un mese iniziale (mediamente quattro incontri) di verifica, al termine del quale l'interessato esporrà la propria intenzione circa il prosieguo. 
Anche per il termine dell'esperienza, proponiamo un mese di preavviso, in modo che la conclusione del percorso possa essere condivisa ed elaborata. 
 
La durata è legata alle caratteristiche e alle esigenze del singolo, che entra con il proposito di raggiungere degli obiettivi ed esce compiutamente dal gruppo al loro conseguimento. 
 
Un sincero grazie a tutte le persone che, in questi anni, hanno trascorso con noi il giovedì sera, ciascuna contribuendo alla costruzione di un ambiente veramente prezioso.